Rudy Guede esce dal carcere di Viterbo dove sta scontando la pena di 16 anni di reclusione (con rito abbreviato) per l’omicidio della povera Meredith Kercher, assassinata il 1° novembre 2007 nella sua casa di Perugia e per la quale erano stati accusati anche Raffaele Sollecito e Amanda Knox, poi assolti in Cassazione per “non aver commesso il fatto”. Guede, di recente, ha accettato il faccia a faccia con la conduttrice di Rai 3 Franca Leosini che lo ha intervistato svelando particolari inediti della sua vita privata e della sua vicenda giudiziaria.

Rudy Guede condannato a 16 anni di carcere

Adesso l’ivoriano ha lasciato il carcere per 36 ore per un permesso premio: dovrà rientrare alle 21 di domenica. In video è apparso tranquillo, lucido e pronto a giurare la sua innocenza. Oggi, uscito dal carcere in compagnia di Claudio Mariani, ha raggiunto la caserma dei Carabinieri per poi trasferirsi nella struttura d’accoglienza per detenuti gestita da un gruppo di volontari. Struttura che lo accoglierà fino a domenica.

Rudy Guede ha chiesto una scacchiera

Guede in queste ore non potrà né uscire né parlare con soggetti non autorizzati espressamente dal Tribunale. “Aveva paura di attraversare la strada, ha visto uno smartphone e si è chiesto cosa fosse” avrebbe detto Claudio Mariani, coordinatore del gruppo di lavoro che sostiene l’innocenza di Guede. “Ha chiesto una scacchiera, big bubble, due panini, una birra ed un melograno che, però, non siamo riusciti a trovare perché fuori stagione” avrebbe aggiunto uno degli assistenti del centro.

Rudy Guede rimarrà in carcere fino al 2024

“Lui è sereno ed emozionato perché è un passo importante” ha detto il suo legale, Fabrizio Ballarini. Un permesso premio che il Tribunale avrebbe dovuto concedere circa un mese fa ma che è slittato poiché nella struttura d’accoglienza non ci sarebbe stata una cucina. Domenica, invece, arriverà la maestra che ha cresciuto Guede mentre non è prevista la presenza dei suoi genitori. Finirà di scontare la sua pena nel 2024.