L’ex militare Giosuè Ruotolo è stato condannato all’ergastolo dalla Corte d’Assise di Udine per l’omicidio di Teresa e Trifone, la coppia che è stata assassinata la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone. Una tragedia che ha sconvolto due famiglie e che, adesso, ha portato alla condanna di Ruotolo (che si è sempre detto innocente e che è difeso dagli avvocati Roberto Rigoni Stern e Giuseppe Esposito), nonostante i suoi difensori avessero chiesto l’assoluzione dell’imputato dal momento che si tratterebbe, a loro dire, di un processo esclusivamente indiziario.

Ruotolo condannato anche all’isolamento diurno

Solo grazie a indagini certosine si è arrivati al nome di Giosuè Ruotolo, poi indicato come l’autore del duplice omicidio. La sentenza, emessa pochi minuti fa, prevede l’ergastolo con due anni di isolamento diurno così come richiesto lo scorso 20 ottobre dal pm Pier Umberto Vallerin. Una sentenza che arriva dopo oltre due giorni di camera di consiglio della Corte d’Assise di Udine presieduta dal giudice Angelica Di Silvestre.

Ruotolo si è sempre detto innocente

Ruotolo era presente in aula e ha ascoltato il verdetto della Corte d’Assise di Udine accanto ai suoi due avvocati. A pochi metri di distanza da lui c’erano anche i familiari delle vittime, Teresa e Trifone.