Può capitare di ricevere il prodotto sbagliato a seguito di un acquisto online. Un errore in sede di spedizione, una svista da parte del corriere, il recapito presso un indirizzo sbagliato. Eppure il pacco che si è visto recapitare James Potten, un trentasettenne di Bristol, anziché contenere l’ambito tablet conservava un oggetto davvero insolito: un campione tumorale diretto a un laboratorio d’analisi.

L’uomo qualche giorno fa aveva acquistato online un dispositivo della famiglia Kindle e, dopo l’attesa di rito, si è visto recapitare sulla porta l’ambito pacco per mano del corriere FedEx. Aperta la confezione, però, ha trovato un campione tumorale probabilmente estratto dopo una biopsia e diretto a un laboratorio. La scatola sigillata, proveniente dalla California, pare fosse diretta al Royal Free Hospital per una ricerca istituzionale.

Così come si apprende dai social network, dove la vicenda è stata resa nota, pare che il disguido sia stato causato da un numero di tracking molto simile, nonostante l’indirizzo corretto fosse stampato a chiare lettere sull’apposita etichetta. Sia il tablet che il campione, infatti, condividevano le prime tre e le ultime cinque cifre del codice identificativo, provocando così il singolare misunderstanding. Fortunatamente, in poco tempo i due pacchi sono stati scambiati e gli oggetti in essi contenuti consegnati ai legittimi proprietari.

Fonte: UPI