È ormai ufficiale, dal 12 novembre alle navi grandi sarà vietato passare a meno di due miglia dalla costa della Toscana, così ha imposto l’ordinanza della Capitaneria di Porto pubblicata in questi giorni.

La Regione Toscana infatti, che appoggia questo divieto, sta tentando di rendere il mare che bagna la sua costa più sicuro, soprattutto considerando ciò che è avvenuto il 13 gennaio a largo dell’Isola del Giglio con la Costa Concordia.

Da quel giorno, Regione, Capitanerie e i Comuni sono tutti d’accordo nel trovare nuove vie per la sicurezza in mare, ad esempio l’installazione sull’Isola di Gorgona di speciali radar.

“Oggi è il compimento dell’impegno della Toscana che ha fortemente lavorato per raggiungere questi risultati. Avevamo preso impegno per fare un patto e alzare la sicurezza del mare toscano. Ci siamo rivolti a tutti. Su nostra richiesta il ministro Clini firmò un decreto con il ministro Passera per impedire l’accosto alle navi di grandi dimensioni”, parla così Enrico Rossi, governatore toscano che ha sottoscritto l’accordo tra le parti.

E aggiunge “il prossimo passo è quello di realizzare un sistema di monitoraggio via satellite per il quale abbiamo chiesto le risorse all’Ue”.