“Sarai per sempre mia e, se mi denunci, farò del male a te e alla tua famiglia”, questa una delle minacce ricevute da una donna da parte del suo ex fidanzato che, da tempo, la tormentata. Si tratta di un 24enne, residente in provincia di Monza ma originario dell’Albania, che è stato arrestato per violenza sessuale, sequestro di persona, lesioni personali e atti persecutori nei confronti della sua fidanzata. La 21enne ha parlato di violenze subite tra settembre 2012 e la fine del 2013 quando il suo ex l’avrebbe persino sequestrata e, a seguito di una lite, l’avrebbe rinchiusa per giorni nella cantina condominiale. Per punizione.

Violentata e chiusa in una cantina condominiale

Terminata la loro relazione, ha raccontato la donna, il suo ex avrebbe tentato in tutti i modi di riallacciare il loro rapporto che, però, era diventato insostenibile. Lui sarebbe diventato troppo geloso, troppo violento. Un amore malato, un’ossessione che poi è sfociata in violenza e in continue telefonate e sms minatori.

Violentata dall’ex, un amore malato

Ad incastrare l’uomo, oltre alle dichiarazioni della donna, anche intercettazioni telefoniche ed ambientali che hanno consentito di arrestare il 24enne il quale, dunque, le aveva fatto passare due anni da incubo. Nel corso dell’interrogatorio in carcere l’uomo ha negato ogni responsabilità.