La storia è così assurda da essere vera. Sul sito di una parafarmacia romagnola è in vendita Ovaria, un principio che in teoria si propone come cura omeopatica per le “tendenze lesbiche”. Il sito per altro ha ottenuto l’autorizzazione al commercio online del Ministero della Salute.

È possibile acquistare Dr. Reckeweg R20, un preparato che contiene la presenza di Ovaria, sul sito della parafarmacia al prezzo di 14 euro per 100 compresse, o in alternativa al costo di 13,60 euro per un flacone da 22 millilitri. Dr. Reckeweg R20 è venduto come un rimedio “per dare sostegno, stimolo e regolazione alle funzioni endocrine femminili”.

Nel preparato in vendita nel sito della parafarmacia romagnola è presente Ovaria, un principio anche denominato Ovininum, Ovinium, Eierstöcke, Oophorinum, Ovar, Ovarialextrakt e Ovaries.

Questa sostanza viene indicata come un “estratto ovarico” di cui non si sa molto, tranne che si tratterebbe di un rimedio per “irregolarità mestruali, disturbi del climaterio, deficit di memoria, depressione, disturbi funzionali delle ghiandole, complesso di inferiorità, criptorchidismo, enuresi notturna, impotenza, frigidità femminile, tendenze lesbiche, oligo e azzoospermia, congestioni”. Proprio così, viene indicato anche come rimedio per le “tendenze lesbiche”.

La notizia di questa presunta assurda cura ha subito scatenato un mare di polemiche sui media e soprattutto in rete, dove gli utenti si sono divisi tra commenti ironici e altri più preoccupati. Qualcuno, come il sito Butac.it (Bufale un tanto al chilo), chiede l’intervento da parte del ministro della Salute: “Cara Bea Lorenzin, non è che sarebbe il caso di intervenire in qualche maniera?”.