Diventare genitori è meraviglioso e allo stesso tempo impegnativo, ma affrontare da soli un’esperienza del genere a volte può essere fonte di pressioni estenuanti. Una storia del genere, che ha fatto il giro del web, è quella di Richard Johnson, un ragazzo di appena 21 anni costretto a crescere da solo la sua piccola Persephone, che adesso ha 10 mesi.

Quando la neonata aveva solo un mese la mamma ha deciso di abbandonare tutti, forse particolarmente provata dalla depressione post-partum. Richard, che proviene da una famiglia in cui tutti i genitori sono single o divorziati, si era riproposto di non far mancare mai niente alla sua bambina ma, ritrovatosi completamente da solo, ha cominciato a dubitare delle sue capacità da padre. Da quel momento in poi ha cominciato, così, a cercare consigli su internet, guardando tutorial su Youtube o leggendo ogni libro a riguardo. In quel periodo ha trovato, per caso, la pagina Facebook “Life of Dad“, uno strumento fondamentale per lui tanto da indurlo a scrivere un lungo post per descrivere la sua storia commovente e ringraziare quei padri che lo avevano incoraggiato condividendo la sua stessa esperienza:

“Grazie a tutti. Non potete immaginare quanto le vostre parole significhino per me. Continuo a essere molto critico nei miei confronti, per il mio modo di essere padre e questa era proprio la medicina di cui avevo bisogno“.

Un post commovente che è diventato subito virale, raccogliendo più di 14mila like, in cui Richard ha voluto lanciare in conclusione i suoi consigli per altri padri single:

“Se doveste mai provare la sensazione che il carico sia troppo pesante e che voi non siate sufficienti, guardate negli occhi il vostro bambino e ditegli che lo amate. Vi sorprenderete nello scoprire quanta forza avete quando qualcuno conta su di voi e amerete sempre di più ciò che state facendo”.

Life of Dad,My name is Richard Johnson, and I'm a single father to a beautiful little girl named Persephone. Her…

Posted by Life of Dad on Martedì 10 novembre 2015