La città di Palermo resta a secco per rifornire d’acqua potabile tutte le navi da crociera che, quotidianamente, attraccano al porto del capoluogo siciliano. A confermarlo, in una nota, è l’Amap, l’azienda idrica che spiega come i “disservizi manifestatisi in questi giorni siano dovuti al prelievo di acqua da parte delle navi da crociera in transito”. Poi, però, precisano che sono già stati presi provvedimenti visto che la situazione, a lungo andare, potrebbe causare gravi problemi alla città di Palermo. “Si sta provvedendo a regolare il prelievo presso l’ente Porto in modo da ripristinare il regolare funzionamento del servizio idrico di Palermo” si legge sul sito ufficiale dell’azienda Amap.

In altri quartieri del capoluogo siciliano, infatti, l’erogazione idrica è stata interrotta “a causa di urgenti e improrogabili interventi di manutenzione alla rete”.

Oltre a Palermo anche a Taormina manca l’acqua

Rimane senz’acqua anche Taormina, già sede del G7 e meta preferita dai turisti di tutto il mondo. A causa della rottura di un tubo di grossa portata, si stanno registrando diversi disagi. Gli operai di Asm sono a lavoro da ore per riparare il guasto anche se rimane difficile raggiungere la zona in cui si è spezzata la conduttura poiché particolarmente impervia.