Erano ben 861 i kg di hashish nascosti tra il carico di arance di un tir con targa polacca arrivato a Palermo da Valencia e in teoria diretto verso il nord Europa.

A fare la scoperta sono stati gli uomini del nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza, che ha bloccato il mezzo e ha arrestato in flagranza di reato sei persone di varie nazionalità (polacchi, italiani, romeni e spagnoli).

Fermo a pochi metri dal Ponte dell’Ammiraglio, il tir ha destato alcuni sospetti a causa del comportamento dell’autista e del suo compagno, raggiunti da altre persone con cui sembravano essere intenti a prendere accordi.

Insospettiti, gli uomini della Guardia di Finanzia hanno chiesto loro documenti e generalità, rilevando un nervosismo tutt’altro che usuale, mentre i nuovi arrivati hanno tentato di scappare. Il loro tentativo di fuga è stato però stroncato sul nascere.

Una volta iniziata la perquisizione del vano frigo sono stati rinvenuti 26 pacchi da 33 kg ciascuno, ognuno dei quali conteneva dei panetti di hashish, per un valore di oltre un milione di euro. Nel tir vi era poi una grande somma di denaro in contanti. Entrambi gli elementi sono stati sequestrati e tutte le persone coinvolte nel trasporto di stupefacenti sono stati arrestati.

Le forze dell’ordine ritengono molto probabile che la grande quantità di droga sarebbe stata destinata alla piazza dello spaccio di Palermo, che da tempo non vedeva un simile carico.