Un studio recentissimo conferma che i moduli fotovoltaici isolano le strutture e consentono un risparmio del 5% sulla bolletta energetica.

I pannelli solari, quindi, funzionano anche come isolanti termici. A questa conclusione è arrivato uno studio condotto dalla Jacobs school of engineering dell’Università della California di San Diego. Pertanto è confermato che, oltre a produrre energia, i moduli fotovoltaici migliorano anche l’isolamento termico delle abitazioni.

In effetti, il potere isolante dei pannelli solari permette di abbassare la temperatura interna degli edifici, proprio come un’intercapedine coibentante, producendo un effetto di raffrescamento, a livello del tetto dell’edificio, che si attesta intorno ai 5° Fahrenheit, pari a circa 15° centigradi.

Il professore di ingegneria ambientale Jan Kleissl, coordinatore della ricerca, ha così spiegato il potere isolante e rinfrescante dei pannelli solari: ”I moduli fotovoltaici assorbono i raggi del sole, riducendo quindi il riscaldamento del tetto e, essendo generalmente inclinati, permettono al vento e alle correnti d’aria di scorrere meglio sulla copertura, raffreddandone maggiormente la superficie”.

Secondo i ricercatori di San Diego, questa proprietà dei pannelli solari consente un risparmio del 5% sulla bolletta energetica, un vantaggio economico in più, che si aggiungerebbe ai benefici diretti garantiti dall’impianto fotovoltaico in termini di produzione di elettricità.

L’effetto isolante sarebbe assicurato anche in inverno, quando i pannelli rilasciano di notte il calore accumulato nelle ore diurne, anche se limitano il riscaldamento dell’edificio durante il giorno. Il team di studiosi californiani si è posto un altro obiettivo: lo sviluppo di un calcolatore in grado di prevedere l’effetto di isolamento termico sui tetti nelle varie aree climatiche.

Non mettiamo in dubbio i risultati positivi di quest’altra ricerca, che peraltro parte già da obiettivi mirati e prefissati: uno scalino più in alto sulla scala dei valori delle energie rinnovabili.