Papa Francesco non si è presentato al concerto per l’Anno della fede organizzato in Vaticano a causa di “impegni improrogabili”.

A vedere la sedia vuota i presenti hanno pensato subito ad un malanno fisico ma poi è stato monsignor Rino Fisichella, presidente del dicastero per la Nuova Evangelizzazione, poco prima dell’inizio del concerto a comunicare, leggendo il saluto del Papa ai partecipanti, l’importante assenza e le sue motivazioni.

Nel momento in cui veniva annunciata la sua assenza, su Pontifex_it, l’account Twitter del papa, appariva un suo messaggio: “Se abbiamo trovato il senso della vita in Gesù, non possiamo essere indifferenti davanti a uno che soffre, a uno che è triste”.

Sentendo che il Pontefice non avrebbe partecipato ad un evento così importante, il concerto, nell’aula Paolo VI in Vaticano, è organizzato dal Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione ed ha in programma musiche di Beethoven, eseguite dall’Orchestra sinfonica nazionale della Rai e dal coro dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, molti hanno fatto notare le differenze tra lui e il suo predecessore, Benedetto XVI, Papa Francesco non ha mai mostrato particolare interesse per la musica, sia liturgica sia di altro genere, ma anche di probabili tensioni all’interno del Vaticano, tra le diverse personalità della Curia, in occasione delle nomine e trasferimenti che avrebbero dovuto esserci ieri ma poi rimandati.

Intanto il portavoce papale, il reverendo Federico Lombardi ha detto di non aver nulla da aggiungere alla dichiarazione di Fisichella, specificando soltanto che il Papa ha confermato i suoi impegni domenicali.

La sua sedia è rimasta comunque vuota per tutto il tempo.