Domenica 6 luglio 2014 la pagina fan di Facebook più popolare di Papa Francesco (oltre 1,3 milioni di fan) è stata hackerata con frasi e messaggi poco equivocabili (QUI I DETTAGLI). Foto inneggianti all’Islam, insulti e bestemmie in arabo.

La reazione degli utenti si è divisa tra chi ha esaltato l’iniziativa e chi ha condannato il gesto: “Vorrei proprio vedere se fosse stato fatto uno scherzo simile ai musulmani come avrebbero reagito, perchè dobbiamo essere sempre noi cristiani a subire in silenzio?”. Migliaia i post di commento e le segnalazioni giunte dagli utenti, così Facebook ha deciso di rimuovere la pagina in questione. Ma dopo pochi minuti la pagina torna online con i gestori che eliminano i messaggi blasfemi e si scusano con tutti i loro lettori.

Nella notte tra domenica e lunedì è arrivata la loro risposta dei gestori: “Quel che è accaduto non è addebitabile alla storica amministrazione di questa pagina, che in ogni caso si scusa con tutti voi per lo spettacolo pietoso. Da oggi la pagina vedrà rafforzate tutte le misure di sicurezza per far sì che non possa più accadere nulla del genere. Vi chiediamo la preghiera per coloro che si son fatti responsabili di questo gesto offensivo e sconsiderato, perché imparino il rispetto, e trovino quella serenità d’animo che li induca ad abbandonare questo genere di comportamenti”.

Alcune voci riportano di hacker provenienti dal Marocco e ad architettare l’operazione sarebbe stato un ragazzo molto giovane. Successivamente la password potrebbe essere finita su alcuni forum dove in molti si sono divertiti a inserire commenti e frasi di dubbio gusto. Sicuramente il diretto interessato, che ha solo l’account ufficiale di Twitter e non una pagina ufficiale su Facebook, non avrà gradito.

LEGGI ANCHE

Papa Francesco Facebook: hackerata la pagina fan

Papa Francesco Facebook: pagina del Papa attaccata

Papa Francesco fra i disoccupati: ”Gesù dacci lavoro”