Pure Papa Francesco adesso ha qualcosa da ridire su Ignazio Marino. Durante il volo di ritorno dal suo viaggio a Cuba e negli Stati Uniti, il Pontefice ha affrontato vari argomenti e ha anche dichiarato che non è stato lui ad invitare a Philadelphia il sempre più discusso sindaco di Roma.

Negli scorsi giorni Marino aveva annunciato la sua partenza per Philadelphia, proprio in concomitanza con la visita americana di Papa Francesco. Una decisione che aveva scatenato un mare di polemiche, anche perché il sindaco di Roma era già stato negli Stati Uniti appena poche settimane prima.

Durante il volo aereo che lo riportava nella Capitale, Papa Francesco alla domanda di un giornalista su Marino ha risposto precisando: “Io non ho invitato il sindaco Marino, chiaro? E neppure gli organizzatori, ai quali l’ho chiesto, lo hanno invitato. Si professa cattolico, è venuto spontaneamente”.

Dall’amministrazione di Roma hanno replicato alle parole di Papa Francesco riportando che: “Né il sindaco, né nessun altro dell’amministrazione di Roma Capitale, ha mai detto di essere stato invitato da Papa Francesco agli eventi conclusivi dell’Eight World Meeting of Families. Il viaggio a Philadelphia del sindaco di Roma nasce da una serie di incontri avuti con le autorità del Comune americano: a giugno il sindaco Michael Nutter e l’arcivescovo Charles Chaput, insieme a una folta delegazione della città, hanno incontrato Ignazio Marino in Campidoglio proprio in preparazione del viaggio papale e per formulargli l‘invito ufficiale. In vista dell’appuntamento dedicato alle famiglie, il sindaco aveva anche incontrato monsignor Vincenzo Paglia con il quale aveva anche discusso della sua presenza all’evento di Philadelphia. Il tutto nasce quindi da una domanda sbagliata nei presupposti e forse posta con l’intenzione di suscitare polemica”.

Prima che Marino partisse per gli Stati Uniti, dal comune di Roma avevano inoltre fatto sapere che l’invito era partito dal sindaco di Philadelphia Michael Nutter: “Le spese del viaggio istituzionale del sindaco saranno a carico del Comune di Philadelphia che lo ha invitato. L’invito si inserisce nel solco della collaborazione tra le due città e nell’aiuto che secondo il sindaco di Philadelphia l’amministrazione di Roma – città dove ha sede il Vaticano – avrebbe dato nell’organizzare la visita del Pontefice”.

Sembra tutto chiarito, quindi, ma probabilmente le discussioni e le polemiche riguardo al viaggio di Marino negli Usa non finiranno qui.