Il viaggio in Africa comporta un rischio alto per la sicurezza di Papa Francesco. A lanciare l’allarme sul rischio “non irrilevante” di un attentato ai danni del Pontefice in territorio africano sono i servizi segreti francesi. Gli 007 d’Oltralpe dopo gli attentati a Parigi del 13 novembre scorso stanno monitorando la rete jihadista insieme ai servizi segreti degli altri Paesi per sventare nuovi attacchi terroristici in Francia, in Europa e nel resto del mondo.

Le indagini sui terroristi dell’ISIS condotte dall’intelligence francese hanno portato alla scoperta di serie minacce per l’incolumità di Papa Francesco. Secondo l’intelligence francese l’Africa è un continente altamente insicuro. I servizi segreti hanno mandato al Vaticano diversi messaggi di allerta per potenziare ulteriormente le misure di sicurezza durante il viaggio di Bergoglio in Africa, in programma dal 25 al 30 novembre 2015.

Dalle informazioni entrate in possesso degli 007 francesi la tappa del viaggio di Papa Francesco in Africa più a rischio sarebbe quella a Bangui, dove è prevista la cerimonia di apertura del Giubileo per l’Africa, in programma il 29 novembre 2015. Nella città da settimane si susseguono gli scontri tra i musulmani e i cristiani.

Alla cerimonia parteciperanno migliaia di persone e per i terroristi sarebbe facile infiltrarsi tra la folla e compiere degli attentati non soltanto ai danni del Papa, ma anche dei tanti fedeli accorsi per salutarlo. L’allerta è alta soprattutto per i lupi solitari. A differenza delle azioni terroristiche compiute da gruppi coordinati, infatti, i simpatizzanti dell’ISIS che agiscono da soli sono più difficili da intercettare e bloccare.

Papa Francesco ha in programma visite in Kenya, Uganda e nella Repubblica Centrafricana. Il suo viaggio apostolico in Africa ha lo scopo di portare un messaggio di pace in un continente dilaniato dalle guerre e dalla povertà. Come affermato alcuni giorni fa dallo stesso Bergoglio in un videomessaggio rivolto ai popoli africani:

Andrò in Africa per proclamare l’amore di Gesù Cristo e il suo messaggio di riconciliazione, perdono e pace. Il Vangelo ci chiede di aprire i nostri cuori agli altri, specialmente ai poveri e a coloro che sono in stato di bisogno.