Tra i tanti paradisi fiscali che esistono in giro per il mondo, le isole Cayman (foto by InfoPhoto) sono sicuramente il paese più esotico, quello del quale si sente parlare solo se questo o quel politico di turno ci ha versato soldi per toglierli dagli occhi indiscreti del fisco. Attori, cantanti, politici, sportivi e tutti coloro che guadagnano tanto, però, ora perderanno questo storico alleato: le isole, possedimento britannico ormai da diversi secoli, hanno infatti annunciato di essere pronte a pubblicare i nomi di migliaia di società, hedge fund e manager in precedenza nascosti. E scoppia il caos.

Una decisione che rappresenta una vera e propria svolta: le isole Cayman sono sempre state considerate un paradiso fiscale sicuro, dove i propri soldi non corrono rischi e nessuno li trova. Fino ad oggi, visto che il governo locale ha deciso per una netta sterzata verso una maggiore trasparenza.

Nel tentativo di cambiare la propria reputazione di segretezza, l’Esecutivo ha deciso di portare avanti la sua politica e svelerà tutti i nomi precedenza nascosti. La notizia avrebbe un effetto devastante sulla già fragile economia delle isole, che basano tutta la loro ricchezza proprio sui fondi che vengono annualmente depositati da paperoni super ricchi del globo terrestre. L’autorità monetaria locale, Cima, ha inviato agli hedge fund un piano con il quale intende creare un database pubblico dei fondi con domicilio nell’isola per la prima volta. Come finirà? Probabilmente tutti chiuderanno i conti e si trasferiranno in un altro paradiso fiscale…