La risposta ai terribili attentati di Parigi non si è fatta attendere. Il governo francese ha ordinato una serie di bombardamenti su Raqqa, la capitale siriana dell’Isis. Riguardo agli attentatori responsabili di quanto avvenuto venerdì notte emerge una pista inquietante, con l’ottavo uomo ancora a piede libero che potrebbe essere scappato verso l’Italia.

Ieri sera la Francia ha lanciato 20 bombe sulla città di Raqqa, considerata la capitale dello Stato islamico: una serie di raid aerei realizzati da 12 aerei, di cui 10 caccia da combattimento. A comunicare l’operazione militare effettuata come replica agli attentati di Parigi dello scorso weekend è stato il ministero della Difesa francese. Gli aerei impiegati sono partiti dalla Giordania e dagli Emirati Arabi Uniti.

Il ministero della Difesa di Parigi fa sapere che l’operazione è andata a buon fine: “Il primo obiettivo distrutto veniva utilizzato dall’Isis come posto di comando, centro di reclutamento dei jihadisti e deposito d’armi e munizioni. Il secondo obiettivo ospitava un campo di addestramento terrorista”. Secondo il comunicato, le “infrastrutture operative dello Stato islamico” sarebbero state “distrutte” attraverso due raid.

Da Parigi si rende inoltre noto che: “L’operazione è stata condotta in coordinamento con le forze americane”. Gli attivisti anti-Isis presenti nella città di Raqqa hanno confermato che alcuni centri principali dell’Isis “sono stati bombardati” e inoltre hanno fatto sapere che per fortuna non risultano vittime o feriti tra la popolazione civile.

Prosegue intanto la caccia all’ottavo attentatore, l’unico tra i responsabili degli attentati di Parigi di venerdì che sarebbe ancora vivo e in libertà. Si tratta di Abdeslam Salah, 26enne nato a Bruxelles, immigrato di seconda generazione, di cui è stata diffusa la foto segnaletica.

Il giovane era stato avvistato al confine tra Francia e Belgio nella mattinata di sabato. In quella circostanza gli agenti avevano arrestato il fratello, che attualmente si trova in carcere a Bruxelles, mentre lui era riuscito a fuggire, poiché la segnalazione nei suoi confronti non era ancora attiva. Adesso è mistero su dove possa aver cercato rifugio e il Ministero dell’Interno dell’Italia ha ordinato un ordine di ricerca nei suoi confronti. Sembra infatti, almeno secondo i servizi francesi, che Abdeslam Salah possa essersi diretto verso il nostro paese.