E’ stata ritrovata a Montreuil, un piccolo comune alle porte di Parigi, la seconda auto abbandonata dai terroristi, utilizzata per compiere gli attacchi terroristici di venerdì. Si tratta di una Seat Leon nera e, come riferito da radio Europe 1 citando fonti di polizia, il ritrovamento dell’auto ”rafforza l’ipotesi” che uno o più membri del gruppo di fuoco si siano dati alla fuga dopo la strage. Il veicolo ritrovato è stato utilizzato dai terroristi che hanno attaccato i ristoranti causando la morte di 39 persone.

Sarebbero due, fino ad ora, le auto utilizzate negli attacchi di Parigi: una Seat nera e una Polo nera, quest’ultima utilizzata dai terroristi per arrivare al Bataclan. La Seat nera era stata notata intorno alle 21:25 di venerdì all’angolo davanti al caffè Le Carillon e al ristorante Le Petit Cambodge, successivamente davanti al caffè Bonne Biere e ancora nei pressi del ristorante La Belle Equipe, le tre zone teatro delle sparatorie. Gli inquirenti ipotizzano possa essere stata utilizzata non solo pertrasportare il gruppo di fuoco ma anche a trasportare il kamikaze che si è fatto esplodere in un bistrot di boulevard Voltaire.

Intorno a questa Polo, invece, ruota l’indagine aperta in Belgio, dove sono state arrestate diverse persone. L’auto era stata individuata sabato, parcheggiata davanti al Bataclan. Risulta essere stata noleggiata da un francese residente in Belgio, arrestato sempre sabato alla guida di una terza auto alla frontiera franco-belga. Fermati con lui altri due cittadini belgi.