Sparatoria sugli Champs Elysees a Parigi: si parla di due assalitori, di cui uno morto e l’altro in fuga. Il bilancio è di un poliziotto morto e di un altro rimasto gravemente ferito. Gli agenti, in questi minuti, stanno facendo evacuare la zona mentre la Prefettura ha chiesto ai cittadini di non recarsi lì. Secondo fonti giornalistiche, il secondo assalitore si sarebbe rifugiato in un parcheggio mentre il primo – che era già noto ai servizi segreti francesi – avrebbe scritto sul sistema di scambio di messaggi Telegram di voler uccidere degli agenti di polizia.

Parigi, secondo assalitore in fuga

E’ in corso un’azione di polizia per bloccare il secondo assalitore, probabilmente ferito riferisce il Tg1. Diversi i cecchini sui tetti mentre un paio di elicotteri stanno sorvegliando la zona.

L’attacco, a colpi di kalashnikov, è avvenuto nei pressi di un grande magazzino britannico. Non è ancora chiaro se si tratti di criminalità o terrorismo. Le indagini proseguono senza sosta e nessuna pista può essere esclusa.

Parigi, forse attacco terroristico

Solidarietà è stata espressa dal presidente americano Donald Trump e dal Premier italiano Paolo Gentiloni che, nel momento in cui si è diffusa la notizia della sparatoria a Parigi, si trovavano insieme negli Usa.