È ormai da qualche stagione che i parka dominano le strade e non c’è il bisogno di chiedersi il perché. Pratici, comodi e moderni nonostante i parecchi anni che portano sulle spalle vengono da tempo tirati a lucido da svariati brands per essere pronti ad ogni occasione.

La sostanza rimane la stessa di quella che molti anni fa arrivò a vestire i soldati americani della seconda guerra mondiale prima e gli operai costretti a lavorare nelle celle frigorifere poi. A fare la differenza, come sempre, non possono che essere colori e dettagli.

Così basta poco per passare da una variante estiva, magari in nylon, alla classica versione in cotone con un caldo interno in lana per l’inverno. A dominare è sempre il verde ma non mancano all’appello il kaki, il blu e il nero.

Questo inverno, in alternativa al più  formale cappotto, il parka potrebbe diventare il vostro alleato di stile. E per sceglierlo potete sbizzarrirvi tra le più diverse declinazioni: da quella classica della foto targata True Religion a quella più esuberante firmata Julien David, passando per il parka-gilet di Asos.

Da sempre amato negli ambienti underground,  il parka  sta vivendo oggi una sua ennesima vita. E poco importa se anni fa a indossarlo erano soldati mentre ora sono fashion blogger e cantanti, su tutti Kate Moss e Sienna Miller.

L’importante, si sa, è sapersi rinnovare. E il parka lo sa fare, rimanendo sempre sé stesso.