Nell’immancabile rassegna annuale dedicata alla burla più stucchevole (qui i migliori, si fa per dire, pesci d’aprile del 2014), il premio per la miglior sceneggiatura originale va honoris causa al deputato della Lega Giacomo Buonanno, che ieri, durante una seduta della Camera, ha estratto dal suo cilindro verde Padania un magnifico esemplare di Dicentrarchus labrax, che al nord conosciamo come “branzino” e nel resto d’Italia come “spigola“, purtroppo sprovvista dell’adeguato contorno di patate al forno, pomodorini e olive nere. Ecco il video:

Va messo agli atti che Buonanno non è semplicemente impazzito, come potrebbe suggerire una visione del filmato senza l’audio unita a una sbrigativa applicazione del rasoio di Occam. E non stava nemmeno provando a far ridere i colleghi. Nient’affatto: la mossa della spigola è un atto politico. Nella sua colorita rappresentazione della realtà, quel succulento animale incarna il pasto di lusso che possono concedersi i potenti, a cominciare da Laura Boldrini, a cui era rivolto l’attacco, mentre ai poveracci non tocca altro che una dieta a base di pane e sardine. Il tutto, continua Buonanno, mentre i clandestini campeggiano in hotel a cinque stelle. Alé.

E così il povero Luigi Di Maio, che presiedeva la seduta, non ha potuto far altro che espellere il metaforico deputato del Carroccio, salvo poi esprimere tutto il suo divertito sbigottimento sul proprio profilo Twitter.

LEGGI ANCHE:

Le origini del Pesce d’Aprile

“Sarò breve e circonciso”