“Cari editori, come accade ogni anno il 1° di aprile è il giorno del “pesce di aprile“. E sul web è occasione per spararne di ogni e spesso anche fatte bene. Preferisco accendere il campanello di allarme ed avvisarvi di stare ben attenti e verificare le notizie che usate come fonti”.

Questa l’email appena partita dalla redazione e subito vengo travolta dai dubbi se Oh my fish! sia reale o solo un pesce preparato ad hoc da Nice Things.

Il brand spagnolo ha infatti pensato di proporre una t-shirt che anticipi il classico pesce di carta attaccato alle spalle, creando uno speciale tank pop dedicato a questo giorno.

E se invece volessero farla proprio a noi, inconsapevoli editor che riceviamo la cartella stampa?

Leggo così attentamente tutto quanto vi trovo scritto: capo “realizzato in morbido cotone grey, campeggia un delizioso pesciolino rosso, infiocchettato come un cadeau, che renderà il primo di aprile il giorno più scherzosamente cool del calendario”!

Ok, potrebbe essere uno scherzo…. o forse no!

L’immagine è quanto mai “reale” e rispecchia in pieno il mood fresco e stravagante del brand: perché mai Paloma S., mente creativa di Nice Things, avrebbe dovuto tirarci un simile scherzo?

Pesce di aprile o no, decido quindi di pubblicare la notizia sicura che in tante ne resteranno divertite e cercheranno Oh my fish!

Nel caso in cui la commessa vi guardasse con aria dubbiosa dicendovi che è la prima volta che ne sente parlare… beh, vorrà dire che Nice Things me l’ha fatta davvero, ma mi sentirò comunque meno sola!

Buon pesce d’aprile!