Una specie tropicale raggiunge le acque calabresi e alimenta l’allerta su pesca e consumo, poiché le carni possono risultare altamente velenose. È quanto accaduto negli scorsi giorni nelle acque vibonesi, nel comune calabrese di Briatico, dove è stato avvistato e catturato un esemplare di pesce palla maculato, il Lagocephalus sceleratus. E gli esperti ribadiscono: questa varietà non deve essere assolutamente consumata.

Il pesce palla maculato è giunto nel Mediterraneo a partire dal 2003, tramite il Canale di Suez. Di origine tropicale, alcune sue parti contengono una pericolosa tetradotossina, che può manifestarsi con gravi problemi di salute, anche letali, dopo l’ingestione. Così come riporta Il Sole 24 Ore, la tossina non viene smaltita con la cottura, quindi il consumo con la dieta deve essere del tutto escluso. Negli ultimi anni si sarebbero verificate intossicazioni in alcuni dei paesi affacciati sul Mediterraneo, come Grecia, Cipro, Turchia, Libano, Israele ed Egitto. L’Ispra, che lo scorso 15 aprile ha ricevuto la segnalazione dell’esemplare avvistato in Calabria, sta conducendo da tempo una campagna informativa, per aiutare pescatori e cittadini al riconoscimento dell’esemplare, identificabile dal dorso bruno-verdastro, macchie scure e ventre bianco.

Fonte: Il Sole 24 Ore