Come se n’è andato Pino Daniele? A quanto sembra il cantante napoletano si è sentito male nella sera di domenica 4 gennaio mentre si trovava nella sua casa in Toscana – aveva un podere nelle campagne tra Magliano ed Orbetello – in provincia di Gosseto.

Alle 21.12 è stato chiamato il 118. E’ stata inviata un’ambulanza sul posto che è arrivata in zona nel giro di una decina di minuti, ma arrivato in zona la vettura è ritornata indietro – aveva anche un defibrillatore a bordo – perché i sanitari avrebbero chiamato casa Daniele ed è stato detto loro che i paziente aveva preferito recarsi a Roma dal suo medico di fiducia.

Con l’auto il cantante e probabilmente la sua compagna si sono mossi verso Roma, dove sono arrivati al Sant’Eugenio, dove Pino Daniele era in cura da anni dal cardiologo Achille Gaspardone, verso le 22.30. In ospedale è stato fatto tutto il possibile per rianimarlo, ma non non sono servite a nulla.

Come spiega il cardiologo che lo ha seguito per anni, chi subisce un infarto acuto ha una possibilità su due di sopravvivere. E la vita di Pino Daniele era da anni ad un filo e lui lo sapeva bene. Il cantante aveva una gravissima malattia alle coronarie da 27 anni. A trent’anni aveva messo il primo bypass e negli anni sono arrivate altre operazioni chirurgiche. La salma è stata nella camera ardente dell’ospedale romano lunedì, mentre il funerale verrà celebrato al santuario romano del Divino Amore mercoledì 7 gennaio alle 12.

La scelta è stata presa dalla famiglia, che viveva a Roma. In tanti, dai fratelli ai suoi fan avevano sperato che i funerali si svolgessero a Napoli – sul tema è nato pure un gruppo su Facebook. Lo stesso sindaco De Magistris aveva manifestato l’intenzione di allestire la camera ardente al Maschio Angioino.

Il cantante verrà sepolto con ogni probabilità in Toscana. Ma il suo ufficio stampa lunedì ha pubblicato una nota in cui spiegava che “è volontà di tutta la famiglia di Pino che Napoli e l’intera cittadinanza possano dare un ultimo saluto all’artista. Per questo la città di Napoli (come auspicato dal Sindaco Luigi de Magistris appena appresa la notizia della tragica scomparsa) si è subito resa disponibile ad ospitare nei prossimi giorni le ceneri dell’artista in un suo luogo simbolo, per ricevere l’ultimo abbraccio dei suoi concittadini“.

photo credit: HotGossipItalia via photopin cc