Non è ancora chiaro il motivo che ha spinto una donna ad uccidere il suo compagno a Piombino. Dopo una serata tranquilla, trascorsa con gli amici, forse per qualche bicchiere di troppo, la signora ha estratto un coltello colpendo l’uomo allo stomaco e uccidendolo quasi sul colpo (morirà poco dopo all’ospedale, ndr). All’alba, infatti, stando alle prime informazioni trapelate, ci sarebbe stata un banale litigio tra i due, ossia una coppia di quarantenni residente nella periferia di Piombino.

Lo uccide con una coltellata allo stomaco

La vittima si chiamava Fabrizio Gratta, un operaio di 49 anni che viveva a Piombino con la sua compagna. La stessa che adesso è stata arrestata con l’accusa di omicidio volontario: si tratta di Beatrice Paini di 44 anni. Tra l’altro, è stata la presunta assassina a chiamare il 118 per riferire di aver colpito, quasi senza rendersene conto, il compagno. L’uomo così è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Villamarina ma è morto durante le operazioni di rianimazione.

Chi li conosceva parla di una coppia felice, che si “voleva bene”. Di una coppia normale, affiatata. Mai nessuno avrebbe potuto pensare ad un simile gesto, complice forse l’alcol e un banale litigio. Gli inquirenti – adesso – indagano per far luce sull’accaduto.