Ennesimo tentativo di rapina finito nel sangue. Questa volta è successo alla sala Bingo di Navacchio (Pisa) dove a scongiurare il furto e fermare il rapinatore alle 4.30 del mattino circa è stata una guardia giurata, Simone Paolini, 37 anni, che ora risulta iscritta nel registro degli indagati per omicidio. La vittima è un’altra guardia giurata, fuori servizio però perché formalmente in permesso parentale, la quale avrebbe provato a eludere la sorveglianza del collega per impadronirsi dell’incasso della serata.

Il rapinatore era un collega della guardia giurata che gli ha sparato ed entrambi lavoravano per la stessa società di security, ma l’artefice del colpo sventato non era in servizio da circa un anno, per un congedo parentale. La vittima si chiamava Davide Giuliani, 46 anni, residente nel Pisano. Secondo la ricostruzione effettuata dai carabinieri, il rapinatore avrebbe puntato la pistola contro l’agente di sicurezza, che era in auto, poi gli si è avvicinato. A quel punto, da dentro l’abitacolo, il collega della security ha esploso due colpi, ferendolo.

La guardia giurata, riconosciuto il collega, gli avrebbe rivelato che lo stava facendo per problemi economici. Il rapinatore si è poi dato alla fuga su un’auto a bordo della quale è stato trovato morto a poca distanza dai carabinieri. Sul sedile dell’auto è stata rinvenuta la pistola con il colpo in canna. L’incasso del Bingo, appena ritirato dall’agente di sicurezza, era di circa 6mila euro.