Ultimo giorno di Pitti Immagine Uomo (qui potete scoprire le ultime novità) a Firenze e già iniziano a circolare i primi bilanci e si tirano le somme.

Come tutto ciò che ruota intorno al settore moda, però, non si parla solo di numeri, ma anche di tutte le tendenze che nascono e passano da Firenze per trasferirsi a Milano.

Una di queste? Il pantalone arrotolato/con risvolto corto: una vera epidemia che sta contagiando da qualche tempo la moda maschile e che, in questa edizione del Pitti, si è fatta sentire, ma soprattutto vedere, molto.

I pantaloni  modello  “acqua alta in casa” (vecchio detto),  che rievocano un po’ lo stile nato sulle rive del Mississipi, denotano uno stile maschile “shabby chic” che sembra piacere molto a chi vuole seguire i trends ed è quindi normalissimo che ne faremo una scorpacciata anche per il 2014 (scoprite qui le prossime tendenze).

So che molti miei amici maschi saranno spaventati da questa cosa (ho le bacheche social piene di commenti del tipo “basta acqua in casa”, “pantaloni acqua alta in casa non mi avrete mai”), ma vorrei tranquillizzarli: questo tipo di indumento non è per tutti e, soprattutto, non fa di un uomo un portatore sano di eleganza.

Se un ragazzo si veste con questo tipo di pantaloni e poi lo abbina ad una giacca che non c’entra nulla, un’accozzaglia di foulard, pochette, spille e, soprattutto, sbaglia il calzino  può affermare sì, che lui è in linea con le tendenze, ma risulterà sempre un calcio in un occhio e un insulto alla moda uomo.

Non preoccupatevi, perciò, se a voi, cari maschietti che mi state leggendo, questa tendenza fa schifo o non riuscite davvero a vederla su di voi: il vero stile e il gusto negli abbinamenti prescindono dalle tendenze, quindi, potete tranquillamente chiudere quel rubinetto e smetterla di allagare casa.

(Seguite Valentina su Google Plus e Twitter)

(photo credits: Pittimmagine)