La Polizia italiana diventa sempre più social grazie all’approdo su Facebook, Twitter e YouTube. La pagina Facebook dell’agente Lisa ha tagliato un traguardo importante, superando i 185 mila like. La poliziotta virtuale comunica con i cittadini, rispondendo alle domande degli utenti su Facebook e diffondendo comunicati e notizie di pubblico interesse.

La polizia ha trovato nei social network un valido strumento di comunicazione utile a migliorarsi, attraverso i commenti negativi e le critiche costruttive dei cittadini che non vengono censurate ma ascoltate.

L’agente Lisa cerca di sensibilizzare genitori e figli contro il fenomeno del bullismo nelle scuole e del cyberbullismo, contro le frodi informatiche e la pedopornografia, elargendo dei consigli pratici per difendersi dalle truffe e dai delinquenti.

Polizia social: 10 agenti dietro il profilo di Lisa

Il profilo della poliziotta nasconde in realtà un team di 10 agenti, una forza speciale che si occupa della comunicazione sui social network, annullando la distanza che spesso si viene a creare tra le forze dell’ordine e i cittadini, in special modo i giovanissimi.

Grazie alla condivisione dei risultati raggiunti dalle forze dell’ordine i cittadini si sentono più protetti e meno soli. Molti utenti approfittano del canale che garantisce un filo diretto con la Polizia per denunciare truffe e segnalare crimini.

L’agente Lisa indirizza gli utenti verso il canale del commissariato online attivo 24 ore su 24 e riservato alla segnalazione dei reati che vengono commessi in rete. Al canale sono pervenute dall’inizio del 2015 ben 13.400 segnalazioni da cui sono scaturite 5.800 denunce. Migliaia anche le semplici richieste di informazioni.

La polizia elargisce consigli anche su YouTube. La nota piattaforma per il videosharing viene utilizzata dalle forze dell’ordine per campagne di sensibilizzazione su un uso sicuro della rete da parte dei giovanissimi. Per notizie sugli arresti e aggiornamenti in tempo reale la Polizia si affida invece all’account ufficiale aperto su Twitter.