Sul prato di Pontida si sta svolgendo il tradizionale raduno annuale della Lega Nord, il quindicesimo della serie, con un Matteo Salvini più lanciato che mai. La Pontida di quest’anno è tutta incentrata sul tema della “ruspa”, una metafora che Salvini e i suoi hanno deciso di adottare per abbattere tutto ciò che secondo loro non va nel Paese (a cominciare dai campi rom, ma per quelli non si tratterebbe di ruspa metaforica…).

Il concetto di ruspa metaforica lo ha spiegato anche lo stesso Salvini: “La ruspa fa giustizia di tanti errori. La ruspa la uso per Renzi non per qualcun altro. La ruspa la usiamo per far ripartire il lavoro” e ancora contro il Premier “Il nemico di Renzi è Renzi, la sua boria, la sua arroganza, il suo circondarsi di incapaci“. Un concetto ormai formalmente adottato dalla Lega, tant’è che in occasione del raduno di Pontida sono state create anche delle t-shirt ad hoc “Ruspe in movimento”, vendute presso i banchetti allestiti sul prato.

https://twitter.com/matteosalvinimi/status/612598568491294720

Immancabile, durante il raduno di Pontida, anche il discorso del segretario del partito. Dal palco del raduno leghista, Matteo Salvini ha illustrato e proclamato, ancora una volta, quelli che sono e saranno i cavalli di battaglia del Carroccio: il tema dell’immigrazione su tutti (“Buoni sì, fessi no. Qui ci stanno invadendo“) ma anche attenzione verso la famiglia e i diritti civili (“Per noi non esiste genitore 1 e genitore 2“, “Libertà di affettività e diritti, ma il matrimonio è tra uomo e donna“, “Quando saremo al governo asili nidi gratuiti per tutti i bimbi fino a 2 anni, per aiutare a costruire nostro futuro“) nonché verso i grandi temi che riguardano il lavoro e l’economia (“Via gli studi di settore, via la legge Fornero, flat tax al 15%, via le sanzioni alla Russia“).

https://twitter.com/matteosalvinimi/status/612595651927523328

Pontida: Fedez e il servizio civile

Parlando di giovani, Matteo Salvini propone: “Un anno di servizio civile obbligatorio per insegnare di nuovo il rispetto a tanti giovani, altro che spaccare vetrine” ma ne ha anche per il cantante rapper Fedez, finito nell’occhio del ciclone in occasione delle manifestazioni NoExpo che si sono svolte a Milano in concomitanza con l’apertura dell’esposizione universale dedicate all’alimentazione:

https://twitter.com/matteosalvinimi/status/612597468572839936