Un telefono cellulare e tre panetti di hashish. Questo il contenuto di due mortadelle intere destinate ad un detenuto 25enne rinchiuso in carcere a Bergamo.

Complice una ragazza milanese, anch’essa 25enne, che si è presentata nella casa circondariale per portare i “generi di conforto” al suo fidanzato. Proprio come nei film.

Ma con le guardie carcerarie il trucco non ha funzionato: alla vista delle due forme di mortadella gli agenti si sono insospettiti, è bastato far passare le forme sulla macchina i raggi X e l’arcano è stato subito svelato. I due sono stati denunciati.

Via | Repubblica