Le previsioni meteo del fine settimana sono più che rosee. L’Italia infatti conoscerà un anticipo di primavera, con temperature decisamente miti per la stagione invernale che ad altitudini comprese tra i 500 e i 1000 metri potrebbero raggiungere i 22-23°C. Le previsioni dei meteorologi del Centro Epson Meteo parlano di temperature che in alcuni casi potrebbero raggiungere valori estivi:

“Ci attende un fine settimana eccezionalmente mite: la preannunciata primavera di gennaio è arrivata, responsabile di temperature al di sopra della norma, su livelli primaverili se non addirittura anche estivi.”

A godere della primavera anticipata saranno soprattutto alcune località alpine, le valli e le aree pedemontane del Nord Italia in cui si registreranno temperature molto al di sopra della media stagionale. La colonnina di mercurio potrebbe raggiungere i 20° C. In Sardegna il termometro arriverà a segnare 26°C, regalando un anticipo d’estate più che di primavera. Oggi Milano farà segnare massime di 19 gradi, mentre a Roma si sfioreranno i 16 gradi.

Per quanto riguarda le precipitazioni, nella giornata odierna il cielo sarà poco nuvoloso in quasi tutta la Penisola, mentre domani sulle Alpi, sul Nord-Est e sulla Liguria il cielo sarà coperto. L’area alpina potrebbe essere interessata da nevicate intorno ai 1000 metri. Domani sera la pioggia raggiungerà anche il Sud interessando le Marche, l’Abruzzo, il Molise, la Puglia settentrionale, la Campania, la Basilicata e la Calabria tirrenica. Nella notte tra domenica e lunedì potrebbe nevicare in Abruzzo e in Campania intorno ai 1000 metri di altitudine. Le nevicate, tuttavia, saranno molto deboli.

La tregua primaverile di gennaio purtroppo durerà poco. Già da domenica sera, infatti, l’Italia tornerà nella morsa del gelo. A far scendere bruscamente le temperature saranno le fredde correnti polari che attraverseranno la Penisola nella notte tra domenica e lunedì. In alcune regioni lo sbalzo termico potrebbe addirittura sfiorare i 15-20 gradi°. Tra martedì e giovedì l’alta pressione ci regalerà nuovamente delle giornate miti.

Foto: Peter Sigrist via Flickr