Matteo Renzi, sconfitto al ballottaggio delle primarie di domenica 2 dicembre, è apparso al pubblico dei suoi sostenitori alle 21.30. Ecco ciò che ha dichiarato: “Ho appena chiamato Bersani per fargli i miei complimenti per aver vinto. Lui ha vinto e noi no. Complimenti e buon lavoro. Vorrei che tutti insieme potessimo fargli un bocca al lupo. Si tratta di una vittoria netta che nessuno può mettere in discussione“.

Il sindaco di Firenze ha proseguito: “Noi abbiamo offerto due modelli diversi di centrosinistra. C’erano due visioni diverse di schieramento. Oggi dobbiamo dire a noi stessi che gli italiani sono stati ancora più chiari di noi. Dobbiamo prendere atto che la nostra idea non è stata vincente. Non raccontiamoci barzellette. Noi volevamo prendere in mano il governo del Paese e non ce l’abbiamo fatta. Bisogna avere il coraggio di dirlo“.

Condivido l’idea che sia bello per un under 40 averci provato – ha sottolineato il candidato sconfitto – La nostra idea era dare un senso profondo alle nostre speranze. Non eravamo qui per fare una battaglia di testimonianza. Io ho sbagliato qualcosa. Voglio chiedervi scusa, cosa che di solito i politici non fanno. Non sono riuscito a scrollarmi di dosso fuori dalla Toscana l’immagine del ragazzetto. E non siamo riusciti a rispondere a tutte le accuse. E’ inutile che continuiamo a dire che le procedure erano arzigogolate: non siamo riusciti a portare abbastanza gente ai gazebo. Ma noi usciamo da questa battaglia con lealtà e non permettiamo a nessuno di contestare il nostro senso dell’onore“.

La conclusione di Renzi: “Bersani oggi ha il diritto e il dovere di parlare anche all’Italia che non è andata ai gazebo. Voi siate orgogliosi di quello che avete fatto. Voi dovete avere la convinzione che ne è valsa la pena, offrendo il sorriso. La politica non è soltanto professionismo e facce tristi. E’ entusiasmo. Per me è stato un privilegio accompagnare la vostra speranza. Abbiamo provato a cambiare la politica, ma non ce l’abbiamo fatta. Ho ricevuto molto di più di quello che ho dato. Grazie“.

LINK UTILI

Primarie centrosinistra ballottaggio: Bersani vince a mani basse

Primarie centrosinistra ballottaggio: calo affluenza e polemiche sull’ammissione

Aggiornamenti primarie 2 dicembre: i renziani gridano all’irregolarità