Matteo Renzi, intorno alle 23 di domenica, è apparso davanti alla platea dei suoi sostenitori per il primo discorso dopo il primo turno delle primarie, che ha decretato il successo di Pier Luigi Bersani e ha attestato il sindaco di Firenze al secondo posto.

Queste le parole di Renzi, molto in stile Obama: “Apprezzo molto l’entusiasmo che stiamo manifestando con questo bellissimo risultato di affluenza. Noi siamo contenti che così tante persone abbiano partecipato. Tanti hanno dovuto sottoporsi a lunghe code. Io ho fatto due ore e mezzo di coda. Ma nonostante questo, mi ha colpito l’atteggiamento serio di grandissima compostezza di chi era in coda. Magari per il ballottaggio organizzatevi un po’ meglio”.

Renzi ha poi dedicato parole agli avversari: “Voglio dare un saluto particolare ai competitors, si sono battuti in una battaglia leale e bella, gli facciamo i nostri complimenti. Il centrosinistra che verrà avrà bisogno di coinvolgerli. Chiedo un applauso per Bersani, che ha vinto il primo round. E’ un applauso di stima, rispetto e per molti aspetti di affetto”.

Sul risultato: “E’ evidente che non siamo molto felici. Abbiamo passato l’ultima settimana a fare terapia di gruppo quando vedevamo i sondaggi che ci davano molto indietro. E’ stato un risultato straordinariamente bello e affascinante”.

E infine qualche frecciatina: “Vorrei poi smentire questa vulgata sui “renziani”. Noi non prendiamo i voti della destra. Abbiamo vinto nella stragrande maggioranza delle regioni rosse. Ci hanno detto di tutto, e siamo qui. Abbiamo fatto una campagna con il 2% dei segretari e il 3% dei parlamentari dalla nostra parte. E rischiamo di prendere il 40% di voti. Questo vorrà dire qualcosa oppure no? Oggi chi contestava le primarie non si sente più. Onore al merito a Bersani che ha accettato la sfida. Credo che queste primarie si concluderanno con una grande scommessa sul futuro degli italiani”.

LINK UTILI:

Primarie centrosinistra: risultati, si va al ballottaggio, Bersani “Sono stracontento”

Primarie Pd: Renzi, oltre un’ora di coda per votare

Primarie centrosinistra: si decide il destino della coalizione

Primarie Pd: Bersani resta avanti nei sondaggi

Bindi Renzi primarie Pd: “Figlio di Berlusconi”. “La sinistra è quella di Obama, non la sua”