Grande afflusso di gente alle urne e grandi risultati per i due candidati principe, quel Pier Luigi Bersani che già alla vigilia era dato quale vincitore e Matteo Renzi, il nuovo che avanza. Ma la sorpresa è proprio vedere quanti voti è riuscito a portare a casa il Sindaco di Firenze: se Bersani ha raggiunto infatti il 44%, il secondo è arrivato addirittura al 36,2%, con gli altri candidati molto distanti (Nichi Vendola al 15,2%, Laura Puppato al 2,9% e Bruno Tabacci all’1,1%). Ora le primarie per il centrosinistra vivranno un nuovo weekend di passione domenica 2 dicembre, con il ballottaggio tra Bersani e Renzi.

L’affluenza è stata altissima durante la giornata di voto, oltre 3,5 milioni di persone alle urne. Matteo Renzi: “la partecipazione della gente è stata meravigliosa. Sono felice, orgoglioso e contento – ha detto – le primarie del centrosinistra hanno cambiato la storia degli ultimi mesi della politica italiana, e spero che anche il Pdl le faccia”.

Scambi di cortesie tra Bersani e Renzi: “gli sfidanti sono stati bravi. Ci siamo dati qualche calcetto, ma non mettono in discussione la lealtà di tutti, l’aiuto che ci daremo. Io finita questa storia gli offrirò una birra, se vogliono”. Gli fa eco Matteo Renzi: “Abbiamo ottenuto un ottimo risultato, visto che in alcune regioni rosse per tradizione siamo stati i più votati – le sue parole – domenica 2 dicembre sarà una grande giornata per tutti”.

Nichi Vendola: “Abbiamo scritto, credo, una pagina di bella politica. Oggi il centrosinistra è un po’ più forte perché ha ritrovato un popolo. Ora deve cercare di non abbandonarlo”. Bruno Tabacci: “Ma questa attenzione raccolta dalla coalizione che fino a un anno fa era all’opposizione del governo Berlusconi e che si candida a governare proponendo un’alternativa radicale al berlusconismo rappresenta soprattutto – ha sottolineato – il segnale che gli italiani non hanno dimenticato chi sono i veri responsabili della situazione difficilissima in cui versa il Paese, e lo dimostrano oggi in massa, proprio mentre il Cavaliere accarezza l’idea di tornare a candidarsi”. Chiusura con Laura Puppato: “Le primarie sono state troppo brevi. In caso di eventuale ballottaggio penso che potranno esserci anche delle sorprese”.

LEGGI ANCHE

Primarie Pd. Sarà ballottaggio. Bersani in testa, boom di Renzi

Primarie Pd: primi exit poll Bersani in testa

Primarie, analisi del voto: Bersani spopola al sud. Toscana e Piemonte con Renzi

Primarie Pd: Renzi, oltre un’ora di coda per votare

Primarie Pd: aggiornamenti in tempo reale

Primarie centrosinistra, allestini novemila seggi. Si vota fino alle 20,00
photo credit: PD Cagliari via photopin cc