In attesa del congresso del 30 aprile che deciderà il prossimo segretario del partito, le primarie del Pd hanno già delineato quelle che sembrano essere le preferenze della base: nei circoli in cui sono avvenute le votazioni Matteo Renzi si è confermato in testa con circa il 69%, Andrea Orlando secondo al 24% e Michele Emiliano al 7%.

L’affluenza alle primarie sembra sotto i livelli di guardia: i primi dati raccolti parlano infatti di oltre 200mila votanti, poco più della metà degli iscritti certificati.

Aspettando i risultati ufficiali è arrivato il commento del candidato di minoranza, Emiliano. Il governatore della Puglia ha parlato della propria proposta come della sola avente una visione collettiva della politica: “L’unica mozione realmente alternativa ai mille giorni che si sono conclusi con le dimissioni del presidente del Consiglio e del nostro segretario del partito. Il nostro è un altro modo di concepire la politica, basato sul ‘noi’, senza leader onnicomprensivi e personalistici con una squadra capace, che conosce i territori e che darà spazio alle autonomie locali”.

A Milano l’affluenza è stata del 70%, con più di 7mila schede per 174 circoli e votanti in crescita. Anche qui Renzi ha stravinto con circa il 69%, nonostante Beppe Sale abbia deciso di defilarsi, attendendo i risultati ufficiali.

Andrea Orlando, oltre aver denunciato irregolarità a Catania, ha riflettuto sulla scarsa partecipazione al voto, auspicando che la fine del mese veda un’inversione di tendenza: “Approfitto per lanciare un appello: mi auguro che quel giorno votino oltre 2 milioni di persone, sotto questa soglia sarebbe un colpo per tutto il Pd. Se scendiamo sotto quella soglia avviamo malissimo anche il percorso verso le amministrative. Mi rivolgo a tutti, al di là di chi votano: vadano a votare altrimenti il rischio è indebolire Pd al di là di vincitore”.

Portavoce della mozione Renzi è stata la ministra Maria Elena Boschi, che dopo aver rifiutato le accuse di brogli ha parlato di affluenza in crescita con soddisfazione evidente: “Vedremo come andranno il 30 aprile, ma Renzi sta vincendo in modo netto la fase degli iscritti. Poi aspettiamo tutta la seconda fase, aspettiamo 30 aprile”. Stoccata finale per Emiliano, accusato di aver alzato eccessivamente i toni: “Per ora il suo risultato credo sia molto deludente per lui”.