Soffici camicie in chiffon creponne, gonne plissettate a vita alta, bluse in sablè di seta, motivi floreali e stampe d’epoca.

Ammirare la Capsule Collection SS13 Mariù De Sica è un vero e proprio piacere per i nostri occhi, abituati agli eccessi di una società contemporanea che non hanno mai fine.

Mai un limite.

Qui, invece, cinque sono i diktat della collezione e della filosofia di Mariù De Sica: quiete, femminilità, contemporaneità, leggerezza e struttura.

Abiti soffusi dalle nuance tenui del blu profondo, rosa e verde pastello, con inserti di un delicato beige, che nel complesso sfumano e stemperano la regolarità delle linee, così da creare un capo profondamente armonico nel suo insieme.

Per il suo marchio Maria Rosa De Sica ha tratto forza e ispirazione dalla figura del nonno paterno, Vittorio De Sica, rievocando il mood anni ‘50 nella sua prima collezione e facendo riecheggiare nel nome stesso del brand le note della celebre canzone Parlami d’amore Mariù.

I capi della linea SS2013 emanano un’allure romantica e melodica, un incontro con le forme delicate e sinuose del corpo femminile disegnate da strutture lineari e geometriche.

Le stampe sono frutto della ricerca in storici archivi dell’800, con fantasie di micro stelle e di delicate orchidee, simbolo di leggerezza e bellezza.

Lo stile romantico sdrammatizzato da dettagli rock, quali i piccoli strass e le stampe presenti nei colletti, dona a tutta la collezione una grazia disincantata e un tocco glamour che ne riattualizza lo stile.

Una pacata sicurezza traspare dall’intera capsule e si esprime piacevolmente negli abiti, nelle bluse leggere e nelle camicie preziose, donando alla donna di Mariù De Sica un carattere deciso e allo stesso tempo un’eleganza dal leggero sapore anni ’50.

Completamente rapita da tutta questa collezione, sto già fantasticando sugli abbinamenti.

Finalmente un pò di vero gusto e di vera bellezza per le giovani donne del 2013.

(Segui Valentina anche su Lookdarifare)