Luca Varani è stato condannato a 20 anni di reclusione per l’aggressione ai danni di Lucia Annibali. La sentenza d’appello ha quindi confermato la pena comminata in primo grado all’uomo che ha sfregiato con l’acido il volto dell’avvocatessa di Urbino. Oltre a Varani sono stati condannati anche i due albanesi assoldati dall’ex fidanzato della donna, Rubin Ago Talaban e Altistin Precetaj, per i quali la pena è stata ridotta da 14 a 12 anni di reclusione.

La camera di consiglio durata 4 ore è giunta a una svolta decisiva sul processo Annibali. La sentenza, letta dal presidente del collegio, Bruno Castagnoli, ha confermato la condanna di Varani, riconosciuto colpevole di tentato omicidio, lesioni gravissime e stalking, il quale si è limitato a commentare la decisione del tribunale esclamando “che cattiveria”.

”Sono molto contenta, ora vado a tutta birra” ha invece dichiarato Lucia Annibali che con il sorriso in volto ha abbandonato l’aula della corte di Appello di Ancona facendosi largo tra i giornalisti. La grande soddisfazione per la sentenza è stata espressa anche dal legale della donna, Francesco Coli, che ha dichiarato che “è stata confermata la responsabilità e la condanna alla pena massima prevista. Ciò che ha commesso Varani meritava il massimo della pena”. L’uomo avrebbe infatti assoldato i due albanesi per vendicarsi dell’ex fidanzata che lo aveva lasciato dopo aver saputo che il compagno aspettava un figlio dalla donna con cui aveva avuto una precedente relazione. L’avvocato ha anche tenuto a precisare cheLucia ha subito un colpo che non potrà cancellare mai, ma lei è forte e oggi ha trovato giustizia”.

Foto InfoPhoto