Si è svolta oggi nel palazzo di giustizia di Bari l’ultima udienza del processo escort sul presunto giro di prostituzione nelle dimore dell’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Il processo, iniziato 2 anni fa, vede imputate 7 persone tra cui l’imprenditore pugliese Gianpaolo Tarantini, amico intimo dell’ex cavaliere, e diverse attrici e soubrette.

Oggi nel corso della sua deposizione spontanea l’attrice Sabina Began all’anagrafe Sabina Beganović  è scoppiata in lacrime, rivelando ai giudici tutto il suo pentimento. La Began, ribattezzata l’ape regina dai media, si è presentata in aula struccata e con i capelli raccolti. L’imputata si è giustificata per la sua condotta spiegando di essere stata mossa da un forte sentimento di riconoscenza e devozione nei confronti di Silvio Berlusconi:

Ho amato tanto Silvio Berlusconi, ha dichiarato la Began tra le lacrime, e avrei fatto qualunque cosa per lui. Era un uomo meraviglioso, per me è stato prima un fidanzato e poi un padre. Mi sono pentita di quello che ho fatto.

Sabina Began ammette: ho organizzato cene di prestigio

La donna ha ammesso di aver organizzato cene “di prestigio” nelle residenze di Berlusconi negando però di aver indotto alla prostituzione altre ragazze:

Io lavoravo, non avevo bisogno di far prostituire ragazze per guadagnare. Quando si ama una persona gli si dedica la vita, io volevo difendere il presidente, ho anche dichiarato che facevo i bunga bunga ma tutti sanno che non era vero.

L’avvocato della Began Fabrizia Siggia afferma di non trovare niente di illecito nel comportamento della sua assistita, sostenendo inoltre che non ci sarebbero prove di rapporti sessuali tra le giovani ospiti e l’ex cavaliere:

Voleva solo che lui si divertisse, che passasse serate piacevoli e per questo invitava ragazze che stessero al gioco, che fossero carine, simpatiche e disposte a compiacerlo, a ridere delle barzellette di Berlusconi anche quando non le capivano.

Oggi sono attese anche le arringhe difensive dei legali degli altri 6 imputati del processo escort.