Massimo Bossetti ha dichiarato di “essere pronto al peggio”. Il processo per l’omicidio di Yara Gambirasio, la ragazza di 13 anni scomparsa il 26 novembre 2010 e trovata morta il 26 febbraio 2011 di cui è l’unico imputato, si avvia al termine e oggi sarà una giornata cruciale.

Quest’oggi al Tribunale di Bergamo, il pm Letizia Ruggeri farà la sua requisitoria finale del processo Yara e comunicherà la richiesta per la pena nei confronti di Massimo Bossetti. Secondo le indiscrezioni, il pm dovrebbe chiedere l’ergastolo.

Nelle prossime udienze del processo Yara toccherà quindi alla parte civile e alla difesa, in attesa poi che arrivi la sentenza prevista per giugno. Nella giornata di oggi i riflettori saranno però tutti puntati su Letizia Ruggeri, il magistrato che ha guidato le indagini e che dovrebbe chiedere per Bossetti la pena massima. Da parte del pm arriverà inoltre la richiesta della sanzione nei suoi confronti.

Massimo Bossetti non sembra essere molto fiducioso. I suoi avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini hanno fatto sapere che il loro assistito è “pronto al peggio”. I due legali hanno inoltre ipotizzato che: “Il pm chiederà certamente l’ergastolo”.

Secondo il codice penale italiano, la pena base per il reato di omicidio è di 21 anni. Al muratore di Mapello nel processo Yara sono però contestate anche due ulteriori aggravanti: una è quella di aver “adoperato sevizie e aver agito con crudeltà”, l’altra è quella di “minorata difesa”, visto che si tratta delle violenze di un uomo adulto nei confronti di una ragazzina di appena 13 anni.

Massimo Bossetti, che continua a proclamarsi innocente, oggi conoscerà quindi la pena che rischia di scontare per il terribile crimine di cui è accusato.