Nuovi scenari alla 5^ Fiera internazionale per l’energia e la mobilità sostenibili.

Il Programma Operativo Interregionale Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 (POI Energia), prosegue il suo cammino con l’obiettivo di sempre: incrementare la quota di energia consumata proveniente da fonti rinnovabili, migliorare l’efficienza ed il risparmio energetico, ridurre le emissioni di gas serra, promuovendo opportunità di sviluppo locale e valorizzando i collegamenti tra produzione di energie rinnovabili, efficientamento e ricadute sul tessuto sociale ed economico delle Regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Secondo quanto ha dichiarato Giuseppe Guerrini, Autorità di Gestione “entrante” del POI Energia – Struttura di missione P.O.R.E. – Dipartimento affari regionali, il Programma a novembre 2011 vede impegnato l’80% delle risorse pari a 1,2 Meuro, a fronte di una dotazione complessiva di 1,6 Meuro, finanziata per il 50% da fondi FESR e il 50% da risorse nazionali.

L’obiettivo è quello di raggiungere per la fine del 2011 la certificazione di 120 Meuro, attraverso tre attività:
- la sperimentazione di un nuovo strumento finanziario, chiamato Jessica, (Joint European Support for Sustainable Investment in City Areas), un’iniziativa finalizzata a promuovere interventi sostenibili per la crescita e l’occupazione nelle aree urbane, (60 Meuro);
- l’attivazione della Linea di attività sulle biomasse (circa 35 M euro);
- la certificazione di attività in itinere (circa 27M euro).

È inoltre in fase di definizione un nuovo bando da 100 milioni di euro a valere sulla Linea di attività 1.1 “Interventi di attivazione di filiere produttive che integrino obiettivi energetici ed obiettivi di salvaguardia dell’ambiente e dello sviluppo del territorio”.

Questo intervento è mirato ad un fine primario: sostenere l’attivazione e lo sviluppo delle filiere nel settore delle biomasse industriali, finanziando la creazione di filiere che comprendano le attività di raccolta, stoccaggio, lavorazione biomasse e trasporto di energia sia termica che elettrica.

Investimenti che prevedono un costo dai 2 e i 20 milioni di euro per impianti da 1 a 4 megawatt, per sostenere “una generazione diffusa di energia che allacci diverse fonti pulite”.

Per maggiori informazioni
POI Energia su www.poienergia.it