Il capo del dipartimento di Protezione Civile Fabrizio Curcio lascia l’incarico per motivi strettamente personali e subentra il vice Borrelli che ha ricevuto la nomina direttamente dal premier Paolo Gentiloni. Il  Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha ricevuto oggi dal Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, una lettera nella quale spiega le ragioni per cui chiede di essere sollevato dall’incarico che attualmente ricopriva non potendo più garantire una presenza h24.

Nella sua lettera di dimissioni, come si apprende dalla nota di Palazzo Chigi, Curcio scrive:  “Il ruolo di Capo del Dipartimento della Protezione Civile è unico, necessariamente assorbente e totalizzante per chi lo ricopre, dati tutti i rischi presenti sul territorio italiano e il complesso ma strepitoso Sistema di componenti e strutture operative che ruota intorno al Dipartimento stesso. …)Tutte le energie devono essere dedicate a svolgere nel miglior modo possibile questa funzione senza soluzione di continuità, giorno e notte, h24 come diciamo in gergo. Purtroppo, per motivi strettamente personali, non sono più, in questo momento, nella possibilità di garantire il cento per cento della mia concentrazione e del mio impegno per continuare a ricoprire tale ruolo”

Paolo Gentiloni ha accolto la richiesta di Curcio e ha provveduto a sollevarlo dall’incarico ringraziandolo per il lavoro svolto con una dedizione, una passione, una energia e una competenza straordinarie”.

Gentiloni ha nominato Angelo Borrelli, finora vice di Curcio, come nuovo Capo del dipartimento di Protezione Civile con i migliori auguri di buon lavoro per le sfide e le responsabilità che lo attendono.