Le prove Invalsi nascono con l’obiettivo di valutare i livelli di apprendimento degli studenti nelle scuole italiane. I contenuti delle prove sono definiti dall’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema dell’Istruzione (INVALSI) che, per l’anno scolastico 2012/2013, ha stabilito siano valutate le materie di italiano e matematica.

Il principale obiettivo della PROVA INVALSI DI ITALIANO, consiste nel valutare le capacità nella padronanza linguistica che lo studente possiede a seconda del suo iter educativo. Per poter giudicare correttamente è necessario analizzare 3 fattori che indicano la capacità di utilizzo della lingua italiana: l’interazione verbale; la lettura e la scrittura. L’oggetto della prova di italiano è dunque la verifica della competenza di lettura e delle conoscenze e competenze grammaticali, il cui sviluppo continua nel corso dell’intera vita.

Nella PROVA DI LETTURA vengono distinti ai fini della valutazione le seguenti capacità:

  • grado di competenza pragmatico-testuale: ovvero la capacità di riuscire a ricostruire tramite il proprio bagaglio culturale, l’insieme dei significati che il testo vuole trasmettere al lettore;
  • grado di competenza lessicale: ovvero la capacità di dare il corretto significato ad un vocabolo all’interno del contesto descritto nel testo stesso;
  • grado di competenza grammaticale: ovvero la capacità di riconoscere le strutture morfosintattiche delle frasi e comprendere il testo nel modo in cui è stato scritto correttamente.

Nella prova di COMPRENSIONE DEL TESTO sono presenti da uno (per la classe II elementare) a più testi, ai quali fanno riferimento una serie di quesiti. Ovviamente la tipologia di testo utilizzato nella prova è variabile a seconda del livello scolare:

  • agli gli studenti della classe II elementare verrà sottoposto un testo narrativo (anche con immagini);
  • agli studenti di V elementare un testo espositivo, narrativo e conativo;
  • per la I media il testo sarà espositivo, narrativo, descrittivo e conativo;
  • mentre per la III media espositivo, narrativo, descrittivo, conativo e/o parzialmente argomentativo.
  • Diversa la situazione per i ragazzi di II superiore che si troveranno alle prese con un testo narrativo e/o poetico e/o teatrale.

Le prove possono comprendere domande chiuse a scelta singola, multipla semplice, o multipla complessa; oppure domande a risposta aperta, singola o articolata. La complessità dei quesiti e la loro struttura hanno la funzione di mettere alla prova lo studente verificandone l’apprendimento e le capacità per capire se:

  • comprende e riconosce il significato di parole ed espressioni letteralmente e figuratamente e se sa riconoscere le relazioni tra parole;
  • ricava ed individua informazioni contenute in un testo;
  • ricava informazioni implicite da una o più informazioni contenute esplicitamente nel testo;
  • distingue e coglie le relazioni di coesione e cioè di organizzazione logica entro e oltre la frase e la coerenza testuale;
  • ricostruisce il significato di una porzione di testo più o meno estesa integrando diverse informazioni contenute e ricavando informazioni implicite anche complesse;
  • ricostruisce il significato globale del testo integrando più informazioni e concetti e ricavando informazioni implicite complesse;
  • interpreta il testo fornito a partire dal contenuto e/o dalla forma superando la comprensione letterale;
  • valuta la plausibilità, la validità, l’efficacia del contenuto/forma del testo attraverso le conoscenze/esperienze personali.

GRAMMATICA: nella seconda parte della prova d’italiano invalsi vengono valutate le competenze e il grado di conoscenza della regole grammaticali. La prova di norma è costituita da un numero limitato di quesiti (circa dieci) che rilevano le capacità di riflessione sulla lingua e l’utilizzo della stessa. Le prove possono comprendere domande a risposta chiusa a singola scelta, oppure domande a risposta aperta singola. Gli obiettivi di valutazione dei quesiti formulati nella prova di grammatica riguardano l’ortografia, la morfologia, la formazione delle parole, lessico e semantica, sintassi e testualità.

METODO DI VALUTAZIONE DEI TEST INVALSI DI ITALIANO

La griglia di correzione che correda le prove Invalsi, per la prova di comprensione testuale, presenta in sequenza il numero dell’item, la risposta corretta, l’ambito di valutazione e i processi attivati nell’alunno,

La griglia della prova grammaticale, oltre al numero dell’item e all’indicazione della risposta corretta, indica la categoria dell’item che corrisponde all’ambito di valutazione e al processo.

Il voto viene rappresentato in centesimi con un voto minimo di 10 punti ad un massimo di 100 punti. Per la sufficienza è necessario raggiungere 60/100.

Infine il metodo di Valutazione si basa su due tipi di criteri: il primo consiste nel valutare un certo numero di domande corrette per ogni parte della prova; il secondo, come metodo alternativo, consiste nel raggiungimento del 55%/60% delle risposte corrette in riferimento alla prova intera