Un veterinario e i responsabili di un’azienda agricola di Passirano (Brescia) sono stati indagati dalla procura per essersi “liberati” in maniera violenta di pulcini considerati troppo piccoli e gracili per essere allevati e di conseguenza venduti sul mercato del pollame. Gli indagati avrebbero ucciso i pulcini schiacciandoli come chicchi d’uva.

Ambrogio Cassiani, magistrato che si sta occupando del caso, è entrato nello stabilimento insieme alla guardia forestale e assistendo in prima persona alla “mattanza” avrebbe filmato tutto. I pulcini venivano quindi trattati come rifiuti.

Soddisfazione dalla Lav

“Oggi esprimiamo la nostra soddisfazione per gli esiti dell’inchiesta. È più che mai necessario contrastare la violazione dei diritti degli animali, proprio in quegli ambiti economici dove tutto viene considerato normale, come l’allevamento a fini di macellazione o a fini di sperimentazione, come nel caso Green Hill  -commenta la Lav in una nota- (…) Ci attendiamo, per questo, una condanna esemplare che funga da segnale all’intero settore produttivo e agli addetti ai controlli, pubblici e privati”.

Foto: InfoPhoto