Una coppia gay, Michele e Dario, qualche giorno fa, sarebbero stati rimproverati dal gestore di un bar ad Ortigia, nel cuore di Siracusa, poiché avrebbero cominciato a baciarsi pubblicamente, seduti ai tavoli. Un atteggiamento che avrebbe infastidito il titolare del bar e anche uno dei camerieri che avrebbe tuonato: “Le persone non capiscono la diversità”. La ricostruzione viene fornito dal sito Gaypost.it che ha intervistato uno dei protagonisti di questa amara vicenda. “Mi sono sentito dire dal gestore del bar che dovevamo andare dentro se volevamo baciarci” continua.

Intanto il prossimo 16 luglio a Siracusa si terrà il Pride: in un primo momento Armando Caravini (presidente Arcigay Siracusa, ndr) aveva deciso, per dare un segnale forte, di fermare il corteo del Pride davanti al bar della discordia per un bacio collettivo. Un bacio contro l’omofobia. Poi, fortunatamente, la coppia gay e lo stesso presidente di Arcigay Siracusa si sono recati ad Ortigia per parlare e chiarire con il titolare del bar.

Coppia gay chiarisce con il gestore del bar

“Insieme alla coppia, ci siamo recati al bar dove è avvenuto il fatto di cui tutti parlano. Abbiamo fatto una riunione con il proprietario che ha confermato di aver fatto uno scivolone, non valutando che fosse un atto di discriminazione. Voglio ribadire che non si tratta di un caso di omofobia. Il proprietario conferma le scuse ai ragazzi, starà più attento a non fare nuovamente questo scivolone. I proprietari parteciperanno e sosterranno il Pride sia nelle tavole rotonde che nel corteo finale per dare un’ulteriore conferma di quanto detto” ha scritto Caravini.