Proseguono le polemiche e le manifestazioni di sdegno negli Stati Uniti, provocate dall’uccisione di un ragazzo nero di 18 anni, Michael Brown, che un agente della polizia statunitense ha freddato mentre questi era disarmato. Ieri il capo della polizia di Ferguson (sobborgo si St. Louis, Missouri) ha reso noto il nome dell’agente accusato di aver fatto partire il colpo: si tratta di Darren Wilson, fa parte delle forze dell’ordine da circa sei anni e non ha mai ricevuto alcuna sanzione disciplinare prima del drammatico fatto.

Contemporaneamente è stato diffuso un video, registrato dalle telecamere a circuito chiuso di un negozio, in cui si vedrebbe Michael Brown mentre compie una rapina insieme ad alcuni complici. Ad ogni modo la polizia a stelle e strisce è finita di nuovo nell’occhio del ciclone, come in passato, a causa dell’abuso di potere e dei metodi violenti di cui spesso si serve. La popolazione del Missouri – e non solo – è scesa in piazza per protestare e purtroppo si sono registrati episodi di scontri e violenze nelle strade delle città. E ieri è intervenuto anche il Presidente Usa, Barack Obama, che ha assicurato che giustizia sarà fatta (qui le sue dichiarazioni).

Questo il video della rapina che è stata diffuso:

photo credit: Brett Sayer via photopin cc