Antonio Campo Dall’Orto non è più il direttore generale della Rai. Il consiglio di amministrazione detta televisione di Stato ha infatti votato all’unanimità sulla risoluzione consensuale del contratto che legava Campo Dall’Orto alla Rai. Il consiglio di amministrazione ha quindi preso atto della volontà espresso dall’ormai ex direttore generale.

Nonostante le dimissioni ormai ufficializzate, Campo Dall’Orto coprirà il suo ruolo almeno fino al prossimo 6 giugno. L’ex direttore generale della Rai, viene fatto sapere, ha rinunciato anche alla buonuscita che avrebbe dovuto prendere lasciando l’azienda. Oltre al voto sulla risoluzione contrattuale con Campo Dall’Orto, il consiglio di amministrazione della Rai ha iniziato a discutere anche in merito al regolamento sul tetto ai compensi degli artisti ingaggiati. La discussione proseguirà poi nel corso della prossima riunione prevista.

Le dimissioni ufficiali di Campo Dall’Orto arrivano sei giorni dopo che lo stesso ha rimesso il proprio mandato al Ministro del Tesoro Pier Carlo Padoan. In realtà non c’è stata molta sorpresa in queste dimissioni: dopo che il consiglio di amministrazione della Rai aveva bocciato il piano dell’informazione, l’addio di Campo Dall’Orto sembrava ormai cosa piuttosto ovvia e scontata. Il piano dell’informazione avrebbe dovuto razionalizzare questo comparto all’interno della Rai e aprire le porte a nuove offerte su diverse piattaforme.