Una rapinatrice dallo stile inconsueto è stata arrestata dalla Polizia di Roma, commissariato Romanina. Riconosciuta dalle vittime attraverso le foto segnaletiche, la donna di 48 anni ritenuta responsabile delle rapine è stata catturata il 16 marzo dagli agenti nelle campagne intorno a Latina.

Come eseguiva i colpi? Le vittime venivano scelte sempre tra i commercianti ambulanti, quasi sempre uomini. Si fingeva una cliente, attaccava bottone, entrava in confidenza e poi offriva un caffè. Ma alla bevanda aggiungeva dei medicinali che provocavano un effetto sonnifero. Le vittime stordite dal narcotico entravano in uno stato di parziale incoscienza, così la rapinatrice poteva sottrarre di fronte a loro portafogli e oggetti preziosi.

La donna era stata già coinvolta in vicende simili. Le indagini hanno portato all’emissione da parte del Gip di un provvedimento di custodia cautelare in carcere. Successivamente i poliziotti (foto by InfoPhoto) hanno pedinato il compagno della donna, il quale li ha inavvertitamente condotti da lei. Sono infine scattate le manette.

CRIMINE A ROMA

Tangenti caro estinto Lazio: indagati politici e dirigenti Asl, i nomi

Baby squillo Parioli: marito Mussolini, “Non sapevo che fosse minorenne”

Accoltella rapinatore: la barista reagisce e uccide il bandito