Inverno, tempo di influenza, febbre, convalescenze e ricadute. Periodo in cui il termine “recrudescenza” potrebbe essere ampiamente usato e, invece, quanti di noi ne ignorano addirittura l’esistenza? Rimediamo subito…

RECRUDESCENZA: il rincrudire, il crescere o l’aggravarsi di nuovo, riferito a mali fisici, o morali, o sociali: rincrudire di un’epidemia, soprattutto con riferimento alla morbilità o alla mortalità, aggravatesi dopo una fase di stasi o di decrescenza: dopo qualche giorno di tregua si ebbe una violenta recrudescenza della malattia; anche in senso più figurativo, ad esempio: purtroppo c’è da constatare una recrudescenza della criminalitàdel terrorismo.

Più raramente il vocabolo è utilizzato con riferimento a fenomeni o condizioni naturali, anche nella forma alternativa di rincrudimentoc’è stato un rincrudimento del freddodel maltempodella siccità.

LINK CORRELATI:

Ci ricordiamo di “Riminiscenza”?

Cosa vuol dire “ossimoro”?

Tutti pronti a “baloccarsi”

Quando un vocabolo è palindromo

Scopri il significato di “idiosincrasia”

Cosa vuol dire “dovizia”?

photo credit: Another Ashia… *-* via photopin cc