Un tesoro del valore di almeno 50 milioni di euro sarebbe stato ritrovato da un gruppo francese specializzato in ricerche sottomarine, in un posto sperduto dell’Oceano Atlantico a nord del Sud Africa, dopo un’operazione a cinquemila metri di profondità mai riuscita prima. Si tratta di una nave mercantile risalente al 1942 e rimasta intrappolata nei fondali marini per oltre 70 anni: la City of Cairo.

La nave era un simbolo di tutti i cacciatori di tesori sommersi e fu mandata a picco da un siluro della marina del Terzo Reich, in fondo al mare finirono circa duemila casse di rupie d’argento che da Bombay in India erano dirette in Gran Bretagna.

“Mai si era arrivati a recuperare merce di navi naufragate a tali profondità” ha scritto Le Figarò. Per riuscire a portare a termine l’operazione, è stato utilizzato un robot che si è spinto fino ai 5 mila metri di profondità, gli esperti, inoltre si sono avvalsi delle testimonianze degli ultimi superstiti del naufragio per delimitare quanto più possibile l’area delle ricerche.