Ormai manca pochissimo all’avvio del reddito di cittadinanza, fiore all’occhiello del Movimento Cinque Stelle che garantirà un reddito minimo a tutti coloro che hanno perso o non hanno mai avuto un lavoro (e non solo). Per beneficiare dei 780 euro previsti dal Governo bisognerà avere un reddito annuo inferiore ai 6mila euro se si vive da soli o 12.600 euro in caso di una coppia con quattro figli minori a carico. Il valore del reddito familiare dovrà essere più basso di 6mila euro annui per i single mentre potrà essere più alto in caso di famiglie. Anche agli stranieri verrà erogato il reddito di cittadinanza a patto che risiedano in Italia da cinque anni.

Reddito di cittadinanza, durata

La durata del reddito di cittadinanza sarà di 18 mesi e prevede l’attivazione di un servizio di ricerca del lavoro grazie agli uffici di collocamento “riformati” (stanziati dei fondi per nuove assunzioni nei centri per l’impiego). È prevista la possibilità di chiedere al beneficiario fino a 8 ore di lavoro a settimana per progetti nel proprio comune di residenza. Chi beneficerà del reddito di cittadinanza, tra l’altro, non potrà rifiutare più di tre offerte di lavoro.

Ci sono ancora molti punti da chiarire; la data dell’avvio del reddito di cittadinanza pare sia stata fissata ad aprile.