È un gesto bellissimo quello che i dipendenti di un’azienda di Cologno Monzese hanno fatto nei confronti di un loro collega malato di leucemia. Nel 2016, infatti, gli avevano diagnosticato pochi giorni di vita ma lui, con grande coraggio e determinazione, ha deciso di combattere prima di tutto per la sua famiglia. Il figlio di 25 anni, intanto, gli ha donato il midollo osseo permettendogli di sottoporsi all’intervento per sconfiggere la leucemia. E non è finita qui: l’uomo aveva terminato i giorni retribuiti di malattia. Ad aiutarlo ci hanno pensato i suoi colleghi che, con un gesto di grande solidarietà, gli hanno donato la bellezza di quasi mille ore di ferie così da consentirgli di curarsi in tutta tranquillità.

È ancora troppo debole per tornare a lavorare. Queste le parole dell’uomo alla Gazzetta della Martesana:

Stavo già preparando le pratiche per l’aspettativa quando mi è arrivata questa bellissima notizia. Non so come ringraziare i miei colleghi, mi hanno davvero commosso. Grazie a loro posso mantenere lo stipendio anche per i prossimi mesi.

Sono 110 i colleghi che hanno aderito all’iniziativa donando all’incirca 8 ore di ferie ciascuno. Adesso l’uomo ha a disposizione 880 ore retribuite. “Quando abbiamo saputo che di lì a poco sarebbe rimasto senza stipendio, abbiamo cercato subito di capire se potevamo fare qualcosa. All’inizio sembrava che non fosse possibile perché è un’opzione contemplata solo per i familiari ma, tramite l’azienda, siamo riusciti a farlo. Emilio è sempre stato uno di noi, ha combattuto tante battaglie e non potevamo non stargli vicino. L’unica cosa che conta è che si rimetta in salute” ha dichiarato un collega.